PROGETTO "TRAIANO"
COMMITTENTE
G.I. & E. S.p.A.

DIMENSIONI DEL TRASPORTO
Mt 26,63 x 5,70 x 5,00

TONNELLEGGIO DEL TRASPORTO
81,70 tons.

OBIETTIVO
G.I. & E. ha la necessità di trasportare uno skid dalla sede di Porto Recanati (MC) fino al porto di Ancona.
ANALISI

L’analisi del trasporto parte in fase di costruzione dello skid poiché il Cliente si dimostra consapevole della complessità del trasporto e delle relative variabili critiche.
Con i progetti strutturali dello skid a disposizione siamo riusciti a ricostruire le dimensioni del materiale da trasportare e abbiamo stabilito con quali mezzi avremmo potuto eseguire la tratta. Sarebbe stato necessario un semirimorchio che, oltre a sostenere una notevole portata, avesse un pianale di carico molto basso.
Le criticità evidenti di questo trasporto sono dunque rappresentate da :
- l’elevata altezza da terra del convoglio;
- la larghezza massima del convoglio ad un’altezza da terra di soli cm. 45. Il passaggio all’interno di centri storici e di un ampio tratto di lungomare durante il periodo estivo si presentano inoltre come fattore altamente sensibile.

Disagi alla viabilità sarebbero stati inevitabili ma la priorità viene data al raggiungimento della destinazione nella massima sicurezza possibile.


STRATEGIA

A causa delle particolari dimensioni del convoglio è stato monitorato preventivamente e determinato il tragitto da percorrere.
In fase di sopralluogo, che ha comportato la valutazione e la fattibilità del trasporto, si è proceduto nella misurazione puntuale di ogni singolo svincolo, ponte, passaggio a livello e cavo.
Oltre ai soliti ostacoli, in questo particolarissimo caso, ci siamo trovati a cercare un modo per non far collidere la cassa trasportata con i fili del tram del centro di Ancona. Se questo fosse accaduto sarebbe stato un vero e proprio disastro. Infatti si sarebbe danneggiato seriamente lo skid con il conseguente blocco di tutte le linee del tram della città con enormi disagi alla viabilità pubblica e privata del centro storico.
Grazie all’utilizzo della tecnologia dei nostri mezzi siamo stati in grado di passare sotto i fili del tram, …ad un’altezza di mt. 5,00, riuscendo ad abbassare il convoglio ad un’altezza di mt. 4,94, portando il pianale a toccare il manto stradale.
Alcune strettoie presenti lungo il tragitto ci hanno costretto a fare alcuni km. in contromano.
La percorrenza della tratta, normalmente di 25 km, è arrivata a 52 km.
Sono occorse 7 ore per completare la tratta con la completa soddisfazione del committente.



STRUMENTI

Le dimensioni ed il peso del trasporto hanno determinano l’esecuzione del lavoro tramite il semirimorchio 2+2 assi con ….piane basse.

PROGETTO "TRAIANO"
COMMITTENTE
G.I. & E. S.p.A.

DIMENSIONI DEL TRASPORTO
Mt 26,63 x 5,70 x 5,00

TONNELLEGGIO DEL TRASPORTO
81,70 tons.

OBIETTIVO
G.I. & E. ha la necessità di trasportare uno skid dalla sede di Porto Recanati (MC) fino al porto di Ancona.
ANALISI

L’analisi del trasporto parte in fase di costruzione dello skid poiché il Cliente si dimostra consapevole della complessità del trasporto e delle relative variabili critiche.
Con i progetti strutturali dello skid a disposizione siamo riusciti a ricostruire le dimensioni del materiale da trasportare e abbiamo stabilito con quali mezzi avremmo potuto eseguire la tratta. Sarebbe stato necessario un semirimorchio che, oltre a sostenere una notevole portata, avesse un pianale di carico molto basso.
Le criticità evidenti di questo trasporto sono dunque rappresentate da :
- l’elevata altezza da terra del convoglio;
- la larghezza massima del convoglio ad un’altezza da terra di soli cm. 45. Il passaggio all’interno di centri storici e di un ampio tratto di lungomare durante il periodo estivo si presentano inoltre come fattore altamente sensibile.

Disagi alla viabilità sarebbero stati inevitabili ma la priorità viene data al raggiungimento della destinazione nella massima sicurezza possibile.


STRATEGIA

A causa delle particolari dimensioni del convoglio è stato monitorato preventivamente e determinato il tragitto da percorrere.
In fase di sopralluogo, che ha comportato la valutazione e la fattibilità del trasporto, si è proceduto nella misurazione puntuale di ogni singolo svincolo, ponte, passaggio a livello e cavo.
Oltre ai soliti ostacoli, in questo particolarissimo caso, ci siamo trovati a cercare un modo per non far collidere la cassa trasportata con i fili del tram del centro di Ancona. Se questo fosse accaduto sarebbe stato un vero e proprio disastro. Infatti si sarebbe danneggiato seriamente lo skid con il conseguente blocco di tutte le linee del tram della città con enormi disagi alla viabilità pubblica e privata del centro storico.
Grazie all’utilizzo della tecnologia dei nostri mezzi siamo stati in grado di passare sotto i fili del tram, …ad un’altezza di mt. 5,00, riuscendo ad abbassare il convoglio ad un’altezza di mt. 4,94, portando il pianale a toccare il manto stradale.
Alcune strettoie presenti lungo il tragitto ci hanno costretto a fare alcuni km. in contromano.
La percorrenza della tratta, normalmente di 25 km, è arrivata a 52 km.
Sono occorse 7 ore per completare la tratta con la completa soddisfazione del committente.



STRUMENTI

Le dimensioni ed il peso del trasporto hanno determinano l’esecuzione del lavoro tramite il semirimorchio 2+2 assi con ….piane basse.

PROGETTO "TRAIANO"
COMMITTENTE
G.I. & E. S.p.A.

DIMENSIONI DEL TRASPORTO
Mt 26,63 x 5,70 x 5,00

TONNELLEGGIO DEL TRASPORTO
81,70 tons.

OBBIETTIVO
G.I. & E. ha la necessità di trasportare uno skid dalla sede di Porto Recanati (MC) fino al porto di Ancona.
ANALISI

L’analisi del trasporto parte in fase di costruzione dello skid poiché il Cliente si dimostra consapevole della complessità del trasporto e delle relative variabili critiche.
Con i progetti strutturali dello skid a disposizione siamo riusciti a ricostruire le dimensioni del materiale da trasportare e abbiamo stabilito con quali mezzi avremmo potuto eseguire la tratta. Sarebbe stato necessario un semirimorchio che, oltre a sostenere una notevole portata, avesse un pianale di carico molto basso.
Le criticità evidenti di questo trasporto sono dunque rappresentate da :
- l’elevata altezza da terra del convoglio;
- la larghezza massima del convoglio ad un’altezza da terra di soli cm. 45. Il passaggio all’interno di centri storici e di un ampio tratto di lungomare durante il periodo estivo si presentano inoltre come fattore altamente sensibile.

Disagi alla viabilità sarebbero stati inevitabili ma la priorità viene data al raggiungimento della destinazione nella massima sicurezza possibile.


STRATEGIA

A causa delle particolari dimensioni del convoglio è stato monitorato preventivamente e determinato il tragitto da percorrere.
In fase di sopralluogo, che ha comportato la valutazione e la fattibilità del trasporto, si è proceduto nella misurazione puntuale di ogni singolo svincolo, ponte, passaggio a livello e cavo.
Oltre ai soliti ostacoli, in questo particolarissimo caso, ci siamo trovati a cercare un modo per non far collidere la cassa trasportata con i fili del tram del centro di Ancona. Se questo fosse accaduto sarebbe stato un vero e proprio disastro. Infatti si sarebbe danneggiato seriamente lo skid con il conseguente blocco di tutte le linee del tram della città con enormi disagi alla viabilità pubblica e privata del centro storico.
Grazie all’utilizzo della tecnologia dei nostri mezzi siamo stati in grado di passare sotto i fili del tram, …ad un’altezza di mt. 5,00, riuscendo ad abbassare il convoglio ad un’altezza di mt. 4,94, portando il pianale a toccare il manto stradale.
Alcune strettoie presenti lungo il tragitto ci hanno costretto a fare alcuni km. in contromano.
La percorrenza della tratta, normalmente di 25 km, è arrivata a 52 km.
Sono occorse 7 ore per completare la tratta con la completa soddisfazione del committente.



STRUMENTI

Le dimensioni ed il peso del trasporto hanno determinano l’esecuzione del lavoro tramite il semirimorchio 2+2 assi con ….piane basse.

IL NOSTRO BLOG

IL NOSTRO BLOG

Accendi la discussione sui nostri e sui tuoi progetti! Informati, informa, comunica, condividi..
Lorenzo Binci / 01.09.2018
IL GRUPPO PEPA OTTIENE LA CERTIFICAZIONE ISO 45001:2018

Le aziende del Gruppo Pepa sono tra le prime in italia ad aver ottenuto la certificazione ISO 45001:...

continua a leggere
Lorenzo Binci / 21.12.2017
IL PARCO MEZZI PEPA SI AMPLIA: IN ARRIVO IL TRATTORE 8X4 E LA CULLA 2 ASSI

Le premesse, in termini di innovazioni ed investimenti futuribili, erano già ottime sin dallo...

continua a leggere
Lorenzo Binci
01.09.2018
IL GRUPPO PEPA OTTIENE LA CERTIFICAZIONE ISO 45001:2018
leggi articolo
Lorenzo Binci
21.12.2017
IL PARCO MEZZI PEPA SI AMPLIA: IN ARRIVO IL TRATTORE 8X4 E LA CULLA 2 ASSI
leggi articolo
Documento senza titolo